Con decorrenza dal corrente anno al superamento dei seguenti limiti:

Ricavi superiori a 2 milioni;
Attivo patrimoniale superiore a 2 milioni;
Dipendenti media annua superiore a 10.

le srl saranno obbligate ad avere l'organo di controllo od il revisore.

L’obbligo scatta se si è superato UNO SOLO DEI TRE LIMITI PER DUE ESERCIZI CONSECUTIVI.

Non esiste più il limite minimo di 120 mila euro di capitale sociale.

Le Srl e le cooperative avranno però 9 mesi per adeguare i propri statuti.

Per chi fosse in difficoltà a reperire Revisori a cui conferire gli incarichi lo studio è disponibile a valutare l’assunzione di tali incarichi, anche delle peggiori situazioni, a condizione che la società sia disposta ad implementare al suo interno il Cruscotto di Controllo che farà da “ECOGRAFO” rispetto all’andamento economico finanziario presente e futuro dell’azienda; permettendo cosi al Revisore di non correre nessun rischio sia penale che civile. Infatti nel cruscotto, fra gli altri, ė presente un algoritmo che valuta l’eventuale superamento della soglia di deterioramento degli equilibri aziendali di cui all’art. 4 della legge 155 del 2017 da cui scaturisce l’obbligo “DELL’ALLERTAMENTO” al Registro Imprese da perte di Amministratori e revisori. 

A tal proposito ricordiamo che il giorno 24 p.v. presenteremo le funzionalità del cruscotto con un apposito pomeriggio ad esso dedicato. Tutte le info sono ritrovabili sul nostro sito.

Dall'1/1/2019 scatta l’obbligo di fatturazione in esclusiva modalità elettronica, introdotto dalla manovra 2018 – Legge 205/2017 - per tutte le cessioni di beni e servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, con esonero previsto solo per i soggetti passivi che rientrano nel cosiddetto "regime di vantaggio" (di cui all'articolo 27, commi 1 e 2, del Decreto-Legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla Legge 15 luglio 2011, n. 111), e quelli che applicano il “regime forfettario” (di cui all'articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190), vengono meno tutte le variabili che hanno interessato il mondo carburanti nel periodo 1 luglio 2018 – 31 dicembre 2018.

Ricordiamo, infatti, che con esclusivo riferimento alle cessioni di benzina e gasolio ad uso autotrazione, l’obbligo di e-fattura doveva scattare già dal 1 luglio 2018, per le cessioni di carburanti gasolio e benzina ad uso autotrazione, e con riferimento all’intera filiera, salvo poi essere prorogato al 1 gennaio 2019 per le sole cessioni effettuate presso la rete distributiva stradale (ovvero “alla pompa”), secondo quanto disposto dall’articolo 11bis del D.L. 87/2018.

L’obbligo di fatturazione elettronica scatta, sempre e comunque. Andiamo dunque a riepilogare le modalità di certificazione degli acquisti di carburante valevoli a partire dal 2019.

Acquisto di carburante: sempre e solo fattura elettronica
Per l’acquisto di carburante, di qualsiasi tipologia, destinato a qualsiasi finalità, effettuato con qualsiasi modalità, a partire dal 1 gennaio 2019 l’unico giustificativo fiscalmente valido ai fini dell’annotazione del costo ai fini reddituali, e della detrazione IVA, chiaramente sempre nel rispetto dei limiti imposti dal TUIR e dal D.P.R. 633/72, sarà la fattura elettronica.

Quanto sopra anche per i rifornimenti presso le stazioni di servizio e con riguardo a qualsiasi tipo di combustibile o carburante acquistato (ivi inclusi GPL e metano), poiché l’obbligo di fatturazione in esclusiva modalità elettronica interessa indistintamente tutti i soggetti business.
Concretamente, dovrà essere richiesta fattura elettronica per ogni rifornimento effettuato, e a tal fine potrebbe essere estremamente comodo fornire tutti i dati necessari esibendo il proprio QR-Code al fornitore di carburante, sempre che l’esercente si sia dotato degli appositi lettori.

Carburante e e-fattura differita
Esistono comunque più alternative a dover richiedere e contabilizzare una fattura per ciascun rifornimento. Infatti, oltre allo strumento del netting, cui si è già accennato, occorre anche ricordare che l’Agenzia delle Entrate si è già espressa sulla possibilità, da parte dell’impianto stradale di distribuzione di carburante, di emissione di una unica fattura differita mensile, da emettersi entro il giorno 15 del mese successivo a quello dei rifornimenti, con riferimento al mese precedente, ai sensi dell’articolo 21 comma 4 del D.P.R. 633/1972.

Come richiamato infatti nella Circolare 8/E/2018 è possibile emettere un’unica fattura, entro il gg. 15 del mese successivo, per tutte le cessioni effettuate nello stesso mese solare nei confronti di un medesimo soggetto, purché all’atto della cessione del bene (ovvero, al momento del rifornimento), la cessione risulti da un documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti tra i quali è effettuata l’operazione ed avente le caratteristiche determinate con Decreto del Presidente della Repubblica 14 agosto 1996, n. 472.

La cessione al distributore, a fronte della quale sia rilasciato un documento che riporti l’indicazione della data, delle generalità del cedente, del cessionario e dell’eventuale incaricato del trasporto, nonché la descrizione della natura, della qualità e della quantità dei beni ceduti» (art. 1 comma 3 DPR 472/1996), potrà essere oggetto quindi di fatturazione differita, cumulativa per tutte le operazioni effettuate nello stesso mese. Di particolare interesse, in questa sede, è ricordare che l’Agenzia considera documento valevole ed equipollente anche i buoni di consegna emessi dalle attrezzature automatiche ove contenenti le informazioni necessarie.

Obbligo di pagamento tracciabile
Dal 1 gennaio 2019, per quanto sopra indicato, viene dato l’addio definitivo alla possibilità di utilizzare la carta carburante per documentare i rifornimenti effettuati.

E' bene ricordare che l’avvio a regime di obbligo di e-fattura non fa venire meno l’obbligo di pagamento tracciabile. Tale obbligo, introdotto anch’esso dalla Legge di Bilancio 2018 (l. 205/2017), con decorrenza 1 luglio 2018, non è stato oggetto di alcuna proroga, a differenza dell’obbligo di e-fattura per i rifornimenti presso i distributori di carburante, e resterà pienamente in vigore anche nel 2019.

L'acquisto di carburante da parte delle “imprese minori”.
Le imprese minori, come noto , ovvero i contribuenti in regime di vantaggio (ex minimi) ed i contribuenti forfettari, sono esonerati dalla fatturazione elettronica attiva. Ciò non implica, tuttavia, che possano ignorare le e-fatture dal punto di vista passivo.

Entrambe le tipologie di contribuenti, all'atto dell'acquisto di carburante, riceveranno fattura elettronica. Tale fattura risulterà particolarmente importante per gli “ex minimi”, poiché la determinazione della base imponibile avviene su base analitica (costi/ricavi). Per i contribuenti forfettari, invece, i costi documentati sono irrilevanti, essendo il reddito determinato in via forfettaria sulla base delle percentuali di redditività previste dalla norma, tuttavia laddove l'acquisto di beni o servizi avvenga nell'ambito “business”, indipendentemente dal regime contabile adottato, la richiesta di fattura è obbligatoria. Si ricorda, peraltro, che le spese per carburanti debbono essere analiticamente indicate (ai fini statistici e descrittivi) nel modello Redditi predisposto dai forfettari.

La ricezione di fatture in formato elettronico, peraltro, implica conseguenze sul fronte della conservazione digitale delle stesse. Alla luce delle ultime interpretazioni dell'Agenzia delle Entrate, il contribuente ex minimo o forfettario che riceva fattura tramite il Sistema di Interscambio, ovvero su PEC o canale informatico, sarà tenuto alla conservazione digitale. Laddove, invece, la fattura non sia recapitabile dal SDI (per assenza di PEC o Codice Destinatario valido), spetterà al fornitore fornire una copia analogica della fattura [l'emittente riceverà da SDI una ricevuta di “mancato recapito”], e il destinatario della fattura stessa potrà considerare tale copia analogica come valida a tutti gli effetti, conservando la sola copia cartacea.

Lo studio chiuderà per alcuni giorni di ferie. Saremo chiusi da lunedì 13 a venerdì 24 compresi. In caso di urgenza potrete contattarci tutte le mattine al 3791262469.

Al ritorno dalle ferie pensiamo non ci saranno novità ma in settembre ci ritroveremo nei nostri uffici rinnovati!

A presto e buon riposo!

CERCHIAMO UN/UNA PERSONA CHE CONOSCA IL SETTORE PAGHE. 

E' NOSTRA INTENZIONE INFATTI INSERIRE UNA PERSONA ALL'INTERNO DEL NOSTRO STUDIO. 

LA PERSONA DOVRA' GIA' SAPERE ELABORARE LE BUSTE PAGA, ELABORARE I MODELLI EMENS, ESSERE IN GRADO DI PREDISPORRE ASSUNZIONI, CESSAZIONI E MODIFICHE CONTRATTUALI PER I DIPENDENTI DI OGNI SINGOLA DITTA AMMINISTRATA. DOVRA' ESSERE IN GRADO DI ELABORARE LE CERTIFICAZIONI UNICHE ED I MODELLI 770 IN PIENA AUTONOMIA.

IL TUTTO PREFERIBILMENTE UTILIZZANDO IL SOFTWARE ZUCCHETTI.

SE IN POSSESSO DI QUESTI REQUISITI E SE VORRETE FAR PARTE DEL NOSTRO GRUPPO DI LAVORO INVIATECI IL CURRICUM ALL'INDIRIZZO MAIL: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.